Rassegna Stampa

Recensione di Luigi Pansini su Realtà Forense:

Espandi »


 

Leggi l’articolo dalla rivista il Sorpasso (pagina 43-44):

 

Articolo tratto da La Repubblica 29/7/11 pag. XVIII:

Espandi »


 

Articolo tratto da La Gazzetta 25/07/11:

Espandi »


 

Articolo tratto da Barisera 05.08.11

Espandi »



 

Articolo tratto da Repubblica 14.08.11

Espandi »


 

Intervista a LSD Magazine

 

 Articolo del critico Enzo Rossi Ròiss del 15/09/2011

 

Corriere del Mezzogiorno del 28/10/11:

Espandi »


 

Recensione AGI –  Agenzia Giornalistica Italiana

Espandi »

Bari, 3 dic. – A pochi mesi dalla sua pubblicazione il volume di Enzo Varricchio “Quell’estate prima della fine del mondo” edito da Giuseppe Laterza e’ un caso letterario con le sue “profezie” in parte avverate come il cambio di governo e l’affacciarsi di tecnocrati alla guida del Paese ma anche episodi di cronaca come uno scontro tra ragazzi a Rosamarina ( che nel libro diventa Rosadimare) che in agosto provoco’ il grave ferimento di un adolescente. Nel suo fanta-thriller, si svolge nell’estate del 2012, ma con solidi riferimenti culturali ed aspetti “profetici” Varricchio propone anche una disamina dell’attuale scenario politico-economico con l’euro sul banco degli imputati, ma comunque si conclude con una nota di speranza.(AGI) Red

 

Recensione ANSA

Espandi »

LIBRI: LA ‘FINE DEL MONDO’ IN UN ROMANZO DI ENZO VARRICCHIO
Documento: 20111216 00272
ZCZC3361/SXR
Economia, affari e finanza –> Media –> Editoria
R ALR S44 QBKP
LIBRI: LA ‘FINE DEL MONDO’ IN UN ROMANZO DI ENZO VARRICCHIO
NEL LIBRO DELL’AVVOCATO BARESE PREVISTO IL ‘GOVERNO TECNICO’ (ANSA) – BARI, 16 DIC
Un famoso scienziato, legato ad una setta esoterica, muore in circostanze misteriose (forse omicidio-suicidio) a ferragosto in un villaggio per possidentisulla costa salentina. E’ il pretesto letterario che Enzo Varricchio, un avvocato barese, utilizza per intrecciare la vicenda che racconta nel volume ‘Quell’estate prima della fine del mondo’, una storia intrigante che e’ insieme fiction e realta’, romanzo, saggio e cronaca. Di quest’ piccolo, prezioso volume (edito da Giuseppe Laterza) si e’ accorto anche il ‘Wall street journal’ che sottolinea come Varricchio sia riuscito in questo volume, all’inizio dell’estate 2011, con molti mesi di anticipo dunque, a prevedere alcune delle recenti vicende politiche italiane. Tra l’altro la nascita di un movimento di protesta e, soprattutto, la sostituzione del governo Berlusconi con un governo tecnico con un programma di ‘lacrime e sangue’. ‘Quell’estate prima della fine del mondo’ racconta che l’omicidio dello scienziato potrebbe essere stato opera di qualcuno della setta esoterica cui l’uomo aderiva, che avrebbe agito per impadronirsi di una sensazionale scoperta fatta dallo scienziato.Un gruppo di investigatori si mette all’opera attraversando la Puglia che viene descritta nelle sue bellezze piu’ nascoste. Nel corso delle indagini appare chiaro che non si tratta solo di un omicidio, ma di un evento che riguarda il destino dell’umanita’. L’inchiesta, dunque, arriva a toccare anche una verita’ nascosta da duemila anni che, se conosciuta, ”aprirebbe la strada ad un grande cambiamento proprio alle soglie della fine del mondo da tanti attesa o temuta”. L’autore ha voluto costruire un romanzo che e’ al contempo un thriller e la sua parodia, e offre ”un affresco delle manie e delle contraddizioni della nostra epoca. Una denunzia delle ipocrisie della scienza e delle menzogne della storia. Un lucido atto di accusa ai poteri forti che governano il paese”. La storia raccontata da Varricchio, che si svolge nell’arco di una  giornata, ci fa riflettere ”sul nuovo significato di vecchi sentimenti come l’amore, l’amicizia, i rapporti tra micro e macrostoria, sullo stato ormai ambiguo e sfuggente della verita’ e sui confini tra realta’ e immaginazione”.
YB9-ZG
16-DIC-11 15:34 NNNN