Il Romanzo

Quell’estate prima della fine del mondo

Quid est veritas? La realtà non è mai ciò che sembra, è mutevole, umbratile, i sensi sono ingannevoli, la realtà è un fantasma. La verità è anch’essa ambigua, manipolata, asservita; se vogliamo cercarla, dobbiamo grattarne la superficie ufficiale, scartavetrarla per toglierle la patina ipocrita e truffaldina che i vittoriosi della storia le impongono da sempre.
(da Quell’estate prima della fine del mondo).

Trama

Ferragosto. Rosadimare, tranquillo villaggio vacanze salentino, un ghetto per ricchi la cui monotonia viene turbata da un misterioso omicidio-suicidio. La vittima è un famoso scienziato, legato da oscuri rapporti con una setta esoterica, che sembra essere la mandante del delitto. Movente: impadronirsi di una sensazionale scoperta che lo scienziato ha annotato nei suoi diari, lasciando un messaggio in codice per consentirne il ritrovamento. Un singolare pool di investigatori è costretto a compiere un tour de force della Puglia misteriosa, attraverso le sue bellezze nascoste, per ritrovare i diari e scoprire l’assassino. Nel corso delle indagini, quello che era apparso un semplice crimine, per quanto efferato, perde il suo carattere contingente e si trasforma in un evento fondamentale per il destino dell’umanità. Durante un viaggio che assume i tratti del dantesco, l’inchiesta diventa strumento di conoscenza del passato e del futuro, di riflessione sulla scienza e sulla fede, rivelatrice della trama oscura della storia e delle vicende relative alla venuta, morte e resurrezione di Gesù Cristo il Messia.
Una verità nascosta da duemila anni minaccia di sconvolgere gli equilibri consolidati, una verità che, se svelata, aprirebbe la strada all’immortalità umana, proprio alle soglie della fine del mondo da tanti attesa o temuta.
Il finale a sorpresa risolve tutti gli enigmi ma pone nuovi interrogativi.

Personaggi principali

La vittima: il famoso scienziato Nico Sgombri. I sospetti: Sirio Astrea, un magistrato importante che è stata l’ultima persona a parlare con la vittima e che si trovava sulla scena del delitto; Gabriele Rossetti, storico dell’arte e autore di un romanzo che sembra l’antefatto letterario del giallo reale; Eos Celestini, avvocato della vittima e amante di Astrea, nonché amica di Rossetti; il procuratore Santo Temi, che guida le indagini coadiuvato dal fido tenente Fino.

Temi principali

  • Ricerca dell’immortalità. Il tema principale è la ricerca dell’immortalità, oggi a portata di mano come mai lo era stata, grazie ai progressi della genetica.
  • Versione alternativa delle origini del Cristianesimo e delle vicende della vita, morte e resurrezione di Gesù;
  • Messa in discussione dei luoghi comuni della storia e della scienza;
  • Investigazione della sfera ignota e segreta dell’individuo e della storia collettiva.
  • Ruolo dei media, delle multinazionali e degli Stati negli scenari futuri del pianeta.
  • Critica della moda del misterico e del paranormale, dilagante nell’opinione pubblica e nei media;
  • Critica del mondo forense e dello stato della giustizia in Italia;
  • Focus sul mondo dei giovani e sul loro cosiddetto “nichilismo”.

Pubblico specifico

  • Cultori di storia, cinema, musica, arteLettori di romanzi gialli e d’avventura
  • Amanti del mistero (sette, new age, orientalisti)
  • Appassionati di storia delle religioni
  • Ecologisti, antiglobalisti
  • Viaggiatori e turisti
  • Pugliesi
  • Magistrati e avvocati
  • Adolescenti e loro genitori

Edizioni Giuseppe Laterza

 

Errata Corrige del romanzo

 

Foto delle ambientazioni del Romanzo:

Espandi »


Foto delle ambientazioni del Romanzo:

Espandi »

Un commento a Il Romanzo

  1. ENZO VARRICCHIO

    QUELL’ ESTATE PRIMA DELLA FINE DEL MONDO

    Scheda sommaria del libro:
    Avvocato esperto di diritto d’autore e dei beni culturali, presidente del Centro Studi di Diritto delle Arti, del Turismo e del Paesaggio, profondo conoscitore della Puglia e delle sue bellezze, Enzo Varricchio, nel suo romanzo, di nuovo genere letterario, tratta di un giallo a sfondo esoterico.
    La vicenda principale è lo strano omicidio-suicidio che turba la quiete di Rosamarina.
    Questa vicenda dà il via ad una storia di misteri che si sposta dalla spensierata vita di Rosadimare fino a coinvolgere San Nicola di Bari e la vicenda leggendaria della Sua traslazione a Bari .
    L’autore ci porta sottobraccio a conoscere le bellezze artistiche pugliesi (patrimonio dell’Unesco), in un viaggio a metà strada tra fiction e realtà, tra saggio e cronaca.
    Tra realtà e fantasia Enzo Varricchio riesce a rapire e a coinvolgere il lettore , il quale è costretto ad aggirarsi nella labirintica e oscura simbologia dell’arte e della religione, in una vicenda avvincente, misteriosa e incalzante, visto che il racconto è racchiuso in uno spazio temporale di 24 ore.
    “Quell’estate prima della fine del mondo” va letto tutto d’un fiato come un racconto e non come una semplice successione di eventi storici.
    E’ un romanzo in cui finzione e realtà si intrecciano.

    Personaggi principali:

    La vittima: scienziato Nico Sgombri.

    I sospettati: Sirio Andrea, magistrato, ultima persona a parlare con la vittima.

    Gabriele Rossetti: professore e storico dell’arte aiuta gli investigatori a districarsi tra gli indizi lasciati dalla vittima.

    Eos Celestini: amica di Gabriele, avvocato della vittima e amante di Sirio Astrea,

    Il procuratore di Brindisi Santo Temi: guida le indagini con la collaborazione del tenente dei Carabinieri Fino

    Nuclei tematici del racconto:

    1)Ricerca dell’immortalità;
    2)Interpretazione del Cristianesimo e della figura di Gesù a partire dai vangeli apocrifi.
    3)Riflessione sulla dimensione etica della storia e della scienza.
    4)Investigazione sull’introspezione dell’uomo e sul rapporto individuo società ;
    5)Influenza dei media e delle multinazionali sugli Stati e il loro ruolo negli scenari futuri del pianeta;
    6)Il mistero e il paranormale nell’opinione pubblica e nei media;
    7)Critica del mondo forense e dello stato della giustizia in Italia;
    8)Il mondo dei giovani e il loro “nichilismo”.
    Cosimo De Angelis
    5° Sirio ITC Lenoci – Bari